Cos’è la flessibilità lavorativa e quali sono le tipologie di flessibilità

L’equilibrio tra vita privata e vita professionale (work life balance) è oggi una priorità e molte aziende ne stanno iniziando a comprendere l’importanza! La flessibilità lavorativa è la soluzione!

Avere dei lavoratori soddisfatti è fondamentale per le aziende perché migliora il clima interno e la produttività. Un lavoratore che può gestire il suo tempo è più contento e lavora meglio.
Questo vale soprattutto per noi donne!

Vediamo insieme cos’è la Flessibilità Lavorativa e quali sono le tipologie di flessibilità.

Definizione di Flessibilità Lavorativa

La flessibilità non è altro che la possibilità di variare o modulare il proprio orario di lavoro in base alle esigenze personali. La flessibilità lavorativa (smart working e telelavoro) si basa sulla responsabilizzazione del lavoratore, che può lavorare anche da casa organizzandosi la sua giornata lavorativa a patto che esegua i compiti assegnati all’interno di un periodo definito dall’azienda.

Flessibilità lavorativa e Congedo Parentale ad ore

E’ un congedo orario che la donna può richiedere fino ai 12 anni di vita del bambino, per massimo 6 mesi (consecutivi o frazionati). Può essere richiesto per mezza giornata lavorativa (quindi il 50% dell’orario contrattuale).
In pratica usufruendo di questo congedo si può temporaneamente trasformare il contratto da full-time a part time per massimo 6 mesi.

Flessibilità lavorativa e Smart Working

E’ una nuova modalità flessibile di lavoro subordinato, che consente un’agilità nello svolgimento dell’attività lavorativa. Non si ha una postazione fissa di lavoro ma si può lavorare in parte in azienda ed in parte all’esterno, nei limiti della durata massima dell’orario di lavoro.
Tutti i dettagli normativi li puoi trovare leggendo l’articolo “Smart working: focus sulla nuova disciplina normativa

Flessibilità lavorativa e Telelavoro

E’ un contratto di lavoro subordinato a domicilio svolto tramite l’utilizzo di un computer collegato alla rete aziendale. Il telelavoro consente un’ampia flessibilità nella gestione del lavoro ma di contro c’è lo svantaggio dell’isolamento del lavoratore che non ha contatti con i colleghi.
Per approfondimenti sulla normativa leggi anche “Telelavoro con contratto dipendente: regole e incentivi

Adesso che conosci quali strumenti hai a disposizione puoi scegliere quella che fa al caso tuo!

può interessarti anche il mio post Quali sono i diritti di una mamma lavoratrice?

Summary
Article Name
Cos'è la flessibilità lavorativa e quali sono le tipologie di flessibilità
Description
cos'è la flessibilità lavorativa e quali sono le tipologie contrattuali esistenti
Author
Publisher Name
Blog Donne@Lavoro
Publisher Logo