Cos’è lo smart working office concept?

Smart working office concept

Mamma, moglie e lavoratrice ecco il nuovo Identikit delle donne del nuovo millennio.
La nostra sfida più grande oggi è riuscire a conciliare tutto e sappiamo molto bene che non è affatto semplice. Per gestire i figli, la casa ed andare a lavoro la giornata dovrebbe durare 48 ore, ma purtroppo non è possibile!
Ma allora come possiamo fare? Esistono dei contratti che ci consentono di gestire la famiglia senza dover rinunciare al lavoro?
Fortunatamente Si!
Per conciliare vita privata e vita professionale esistono diverse forme
contrattuali flessibili, come lo smart working, che consentono maggiore “agilità” nello svolgimento dell’attività di lavoro subordinato, facilitando di gran lunga la vita di noi donne.

Ma cos’è lo smart working? Come funziona?

Cosa si intende per smart working office concept

Lo smart working è un rapporto di lavoro subordinato flessibile, che nasce per favorire la conciliazione tra vita privata e lavoro.
Con lo smart working la lavoratrice ha la possibilità di gestire in autonomia il lavoro da svolgere. Al datore di lavoro non interessa quando la lavoratrice svolge tale attività purché la porti a termine entro i termini previsti.

Assenza di vincoli

Con questo contratto c’è un’assenza completa di vincoli per la lavoratrice che può decidere i propri orari in base alle esigenze personali.
Alla base dello smart working, infatti, c’è un accordo tra datore di lavoro e lavoratrice per definire gli obiettivi da raggiungere e le tempistiche entro le quali raggiungerli attraverso forme di organizzazione per fasi e cicli.

Attività svolta in parte all’esterno ed in parte all’interno dell’azienda

L’attività di smart working può essere svolta in parte all’esterno (anche a casa) ed in parte all’interno dell’azienda, non si ha una postazione fissa di lavoro, purché si rispettino i limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva.
Il datore di lavoro è comunque responsabile della sicurezza del lavoratore e del funzionamento degli strumenti tecnologici da fornire al lavoratore.

Forma e Retribuzione

Come tutti i contratti di lavoro subordinato lo smart working dev’essere redatto per iscritto, ed il contratto deve disciplinare l’esecuzione della prestazione lavorativa svolta all’esterno dei locali aziendali, oltre a prevedere i tempi di riposo del lavoratore.
Il contratto di smart working può essere a termine o a tempo indeterminato, in quest’ultimo caso, il recesso può avvenire con un preavviso non inferiore a trenta giorni.
Il trattamento economico non può essere inferiore a quello previsto dai contratti collettivi di riferimento.

Infortuni e Malattie professionali

La lavoratrice ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dipendenti da rischi connessi alla prestazione lavorativa resa all’esterno dei locali aziendali, o occorsi durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello prescelto per lo svolgimento della prestazione lavorativa all’esterno dei locali aziendali.

Conclusioni

Lo smart working concept è sicuramente una valida alternativa per noi donne, perchè ci permette di conciliare vita privata e lavoro, ma ritengo che sia un vero e proprio cambiamento del modo di concepire il lavoro perchè si passa da un sistema basato sul controllo ad uno basato sulla responsabilizzazione del lavoratore che ha la possibilità di svolgere in autonomia la propria attività gestendo il proprio tempo!

Per approfondimenti sulla normativa puoi cliccare qui

 

Summary
Cos'è lo smart working office concept?
Article Name
Cos'è lo smart working office concept?
Description
definizione dello smart working
Author
Publisher Name
Blog Donne e Lavoro
Publisher Logo