Cosa chiedere quando si firma un contratto di lavoro?

Cosa chiedere quando si firma un contratto di lavoro?

Quando simo alla vigilia della firma di un contratto di lavoro mille dubbi ci assalgono e vorremmo fare tante domande per essere sicure di ciò che stiamo firmando.

Personalmente quando firmai il primo contratto di lavoro, ricordo di averlo letto migliaia di volte, avrei tanto voluto avere qualcuno che mi aiutasse a capire cosa chiedere e soprattutto che mi spiegasse come leggere un contratto di lavoro. Ritengo che anche in queste cose bisogna fare esperienza 🙂

Cos’è il contratto di lavoro

Prima di capire cosa chiedere quando firmiamo un contratto è necessario partire da che cosa si intende per contratto di lavoro.
Il contratto di lavoro viene stipulato tra datore di lavoro e lavoratore per la costituzione del rapporto di lavoro. Per farla semplice definisce le condizioni alle quali il lavoratore viene assunto quindi retribuzione, sede di lavoro, mansione ecc.
Solitamente i contratti collettivi di riferimento obbligano il datore di lavoro ad utilizzare la forma scritta del contratto di lavoro, quindi non  può essere stipulato a voce.

Come leggere un contratto di lavoro

Prima di fare delle domande è fondamentale leggere attentamente il contratto di lavoro che il datore di lavoro ci presenta.
Quello che vi consiglio è di dare uno sguardo anche al contratto collettivo nazionale di riferimento dell’azienda che vi sta assumendo (per esempio se vi assume un supermercato o un negozio sicuramente il contratto collettivo nazionale di riferimento – anche detto CCNL – sarà quello del commercio) così avrete le idee più chiare su quali sono le regole a cui il datore di lavoro deve attenersi. Nel CCNL trovate infatti tutte le informazioni relative a retribuzione, ferie, trattamento di fine rapporto ecc.

Per capire come leggere un contratto è necessario che sappiate quali sono gli elementi di un contratto di assunzione.

Oggetto del contratto

L’oggetto non è altro che la mansione per cui vi stanno assumendo e dev’essere in linea con il profilo ricercato quando siete state selezionate. Se per esempio vi hanno selezionato per il profilo di commessa non è normale che nell’oggetto sia indicata la mansione di facchinaggio. Quindi state attente!

Inquadramento contrattuale

Sul contratto dev’essere riportato il livello di assunzione e l’inquadramento contrattuale es. operaio, impiegato, quadro dirigente ecc. Dall’inquadramento e dal livello dipende la retribuzione che si percepirà per la prestazione lavorativa, quindi secondo me vale sempre la pene approfondire questo aspetto sul CCNL prima di firmare un contratto.

retribuzione

La retribuzione è normalmente indicata nel CCNL di riferimento, e nel contratto di assunzione solitamente si fa riferimento a quest’ultimo.
Il datore di lavoro ed il lavoratore possono definire una retribuzione superiore a quella prevista da CCNL (questo capita spesso per particolari profili professionali per cui è previsto un livello di inquadramento elevato – tipo il quadro), in questo caso dev’essere riportato l’importo della retribuzione annua lorda (detta anche RAL) ed il dettaglio delle singole voci che la compongono.
In quanto donne dovete sapere che l’art. 37 della Costituzione pone il divieto di discriminazione nei confronti di lavoratrici donne, stabilendo che, a parità di lavoro, spetti alle donne la medesima retribuzione dei lavoratori di sesso maschile.

clausole contrattuali

E’ possibile che nel contratto di assunzione vengano inseriti accordi restrittivi al momento di lasciare l’azienda o alcune clausole come:

  • il patto di non concorrenza che serve ad evitare che il lavoratore possa compiere atti di concorrenza ai danni del proprio datore;
  • le clausole elastiche e flessibili che si applicano in caso di lavoro part time e che prevedono la possibilità di 1) modificare la collocazione temporale della prestazione di lavoro (clausole flessibili) , 2) aumentare il numero delle ore della prestazione di lavoro rispetto a quanto fissato originariamente (clausole elastiche).

Orario di lavoro

Nel contratto dev’essere indicato l’orario di lavoro per il quale si viene assunti, per esempio se full time (quindi 40 ore settimanali) o part time. Nel caso del part time il datore di lavoro è obbligato ad allegare al contratto anche la fasce orarie che il lavoratore dovrà osservare.

durata del contratto

Il contratto di lavoro può essere a tempo determinato od indeterminato. In entrambi i casi nel contratto dev’essere data indicazione chiara se trattasi di un tempo determinato o indeterminato.
In caso di assunzione a termine sul contratto dev’essere riportata la data di scadenza del contratto, questa data non è altro che il momento in cui il contratto si intenderà risolto senza nessun obbligo di preavviso.

Periodo di prova

Il contratto di lavoro può prevedere un periodo di prova, durante il quale ciascuna parte può recedere senza obbligo di preavviso. Solitamente la durata del periodo di prova è definita dal CCNL ma le parti ne possono concordare uno differente.

sede di lavoro

Nel contratto dev’essere indicata la sede di lavoro in cui si presterà l’attività lavorativa. Quindi verificate che sia corrispondente alla sede dichiarata durante la fase di selezione.

Cosa chiedere quando si firma un contratto di lavoro

Adesso che hai capito come leggere il contratto e quali elementi deve contenere, possiamo approfondire cosa chiedere quando si firma un contratto.

Responsabilità della mansione

Prima di firmare approfondite quali sono le responsabilità legate alla mansione riportata nell’oggetto del contratto. Se necessario fate delle domande per approfondire meglio gli aspetti poco chiari chiedendo degli esempi di cosa comporta fare quel lavoro.

Retribuzione in linea con la mansione

Altra cosa da verificare è la corrispondenza tra retribuzione ed il ruolo che andrete a ricoprire realmente.
Cercate di approfondire se le responsabilità che vi affideranno sono in linea con quanto vi pagheranno. Per intenderci non è corretto che vi assumano ad un livello bassissimo per poi farvi svolgere delle mansioni superiori per le quali è prevista una retribuzione maggiore.
Per sapere a cosa avete diritto prima di firmare il contratto dovete leggere il CCNL di riferimento (non preoccupatevi è facilmente reperibile su internet).

Orario settimanale

Se l’assunzione è part time, verificate che siano allegati gli orari settimanali che dovrete fare. In caso di assunzione full time chiedete come sarà distribuito l’orario di lavoro, e quale sarà il giorno di riposo (per legge non potete lavorare 7 giorni su 7 ma dopo il 6° giorno vi spetta una giornata di riposo).
Chiedete anche se è previsto lavorare durante le festività (quindi la domenica, a natale, ecc), non tutti sono chiusi durante i festivi (esempio ristoranti o ipermercati) ed è quindi necessario approfondire anche quest’aspetto.

contratto integrativo aziendale

Chiedete se l’azienda ha un  contratto integrativo aziendale, in questo documento solitamente le aziende ed i sindacati definiscono delle condizioni migliorative rispetto a quanto previsto dal CCNL di categoria. Per esempio nel contratto integrativo aziendale può essere definita una maggiorazione dei festivi superiore rispetto a quanto definito dal CCNL, oppure possono essere definiti benefit o premi aziendali a cui hanno diritto i dipendenti al raggiungimento di determinati risultati.
Insomma io vi consiglio di visionarlo perchè è sempre meglio conoscere tutti gli aspetti che derivano dal contratto sottoscritto.

Ferie

Rispetto alle ferie è importante sapere se è necessario seguire una pianificazione, oppure se ci sono dei periodi in cui non è possibile andare in ferie od ancora se ci sono delle ferie “obbligate” per sospensione dell’attività aziendale durante le festività (ad esempio molte aziende chiudono la settimana di natale o di ferragosto). E’ importante che abbiate queste informazioni perchè impattano non poco sulla vostra vita privata.

Conclusioni

In conclusione una regola fondamentale da seguire per definire “Cosa chiedere quando si firma un contratto di lavoro” è sicuramente l’informazione. Quanto più vi documentate e quanto più sarete preparate meno sorprese avrete.

Purtroppo non tutte le aziende sono eticamente corrette e l’unica difesa è l’informazione.

Può interessarti anche il mio post su come fare bella figura ad un colloquio di lavoro.

Summary
Cosa chiedere quando si firma un contratto di lavoro
Article Name
Cosa chiedere quando si firma un contratto di lavoro
Description
capire cosa approfondire prima di firmare un contratto di assunzione
Author
Publisher Name
Blog Donne e Lavoro
Publisher Logo